Blog categories

Comments

Infezioni vaginali e infertilità

Le infezioni vaginali sono infiammazioni della vagina (vaginiti) causate da uno o più agenti infettivi, identificabili in microrganismi patogeni di diverso genere e specie. L’infezione vaginale può ascendere, cioè interessare anche altri distretti dell’apparato genitale e coinvolgere quindi anche la cervice uterina, il corpo uterino e le tube.

In condizioni normali, la vagina ospita già al suo interno certi microrganismi innocui o solo potenzialmente patogeni, ma normalmente non attivi. I germi che colonizzano la mucosa vaginale costituendo la flora vaginale normale sono:

  • Lactobacillus acidophilus, comunemente detto lattobacillo, batterio molto importante nel regolare il grado di acidità vaginale;
  • difteroidi, anch’essi batteri;
  • Staphylococcus epidermidis;
  • Streptococchi di varie specie;
  • Escherichia coli (tipico batterio a provenienza intestinale);
  • vari batteri anaerobi;
  • Candida albicans, un fungo (o meglio un lievito) presente nella vagina del 25% delle donne asintomatiche.

La salute vaginale dipende dall’equilibrio fisiologico tra tutti i microrganismi presenti. Quando i germi patogeni intervengono in quantità elevata o quando intercorrono malattie (diabete, malattie generali debilitanti) o terapie (antibiotici, immunosoppressori) che alterano l’equilibrio dell’ambiente vaginale, insorge un’infezione sostenuta da uno o più agenti.

Le infezioni che possono causare problemi di fertilità sono quelle cervicali e provocate da microrganismi come la Chlamydia, il Mycoplasma o Ureaplasma. Sono infezioni che si trasmettono sessualmente e in genere non danno sintomi, per cui tendono a passare inosservate. Solo qualche volta possono comportare un po’ di febbre e di dolore pelvico. Provocano un’infiammazione cronica dell’endometrio che impedisce l’impianto dell’embrione o addirittura danni anatomici, con occlusione tubarica, impendendo il concepimento.

Lo studio preso in considerazione si è concentrato sull’impatto delle infezioni del tratto genitale asintomatico sulla fertilità delle coppie. I principali risultati mostrano come a circa la metà delle coppie, afferenti a centri di Procreazione Medicalmente Assistita, è stata diagnosticata un’infezione del tratto genitale. In particolare la presenza di E. faecalis produce un effetto significativamente negativo sulla motilità e morfologia degli spermatozoi, la presenza del gruppo E. faecalis, U. urealyticum e M. hominis nelle coppie infertili è significativamente associato all’esito negativo della procedura di fecondazione in vitro.

Tutte le coppie infertili arruolate nello studio erano asintomatiche per le infezioni del tratto genitale, ma quasi la metà (46,3%) risultava positiva ai test microbiologici. Per quanto non siano disponibili dati in letteratura sulla prevalenza delle infezioni del tratto genitale asintomatico in coppie naturalmente fertili, è difficile stimare l’impatto delle infezioni asintomatiche sulla fertilità.

Una cosa però è certa, l’infezione e l’infiammazione genitale possono avere un impatto sulla fertilità maschile in diversi modi, tra cui il deterioramento della spermatogenesi, il deterioramento delle funzioni spermatiche, la generazione di ROS che porta alla frammentazione del DNA o alla modificazione della proteina ossidativa, alla produzione di anticorpi spermatici e all’ostruzione del tratto seminale. Le infezioni vaginali femminili invece conducono a un ambiente endometriale non idoneo all’impianto dell’embrione, oppure, post impianto, al parto pretermine.

In conclusione, l’infertilità è una condizione clinica multifattoriale e sfaccettata che pone un profondo onere economico e psicologico alle coppie colpite e alti costi nel sistema sanitario. In questo studio è stato identificato un gruppo infettivo che è significativamente correlato come un fattore di rischio negativo alla fecondazione in vitro. Tuttavia è noto che le cause dell’insuccesso della fecondazione in vitro spesso rimangono sconosciute, ma sicuramente è necessario indagare se sussistono altre situazioni sfavorevoli all’instaurarsi di una gravidanza.