Blog categories

Comments

L’impianto contraccettivo sottocutaneo e il dispositivo contraccettivo intrauterino nel trattamento dei sintomi dell’endometriosi.

Un recente studio pubblicato a novembre 2018 sulla prestigiosa rivista Fertility and Sterility evidenzia che l’impianto sottocutaneo contenente il progestinico etonogestrel ed il dispositivo intrauterino (“spirale”) contenente il progestinico levonorgestrel, entrambi utilizzati come contraccettivi a lunga durata d’azione, sono altrettanto efficaci nel migliorare  il dolore pelvico, la dismenorrea e la qualità di vita in donne con endometriosi1. L’efficacia del dispositivo intrauterino contenente levonorgestrel era ben nota e confermata da molti studi, tanto che le linee guida delle principali Società Scientifiche ne consigliavano l’impiego. Molto meno nota era l’efficacia dell’impianto contraccettivo contenente etonogestrel. A tal proposito, uno dei pochi studi riportati dalla letteratura proveniva proprio dal nostro gruppo di ricerca2. Questo nuovo studio conferma l’efficacia di questi due dispositivi nel migliorare la vita delle donne affette da endometriosi riducendo il dolore pelvico ed anche quello mestruale. Ricordiamo che, a differenza delle comuni pillole contraccettive, questi sistemi di rilascio di progestinico non contengono estrogeni e quindi non presentano le controindicazioni e gli effetti collaterali di questi ormoni.

Per approfondire:

1: Carvalho N. et al., Fertil Steril. 2018 Nov;110(6):1129-1136.
2: Sansone A.  et al. Arch Gynecol Obstet. 2018 Oct;298(4):731-736.